Come i giocatori di EVE Online stanno aiutando la scienza medica (articolo tradotto)

Lo “Human Protein Atlas” (HPA o Atlante delle Proteine Umane) è un programma di ricerca scientifica, il cui obbiettivo è quello di mappare il proteoma umano. Con questo tipo di informazione la scienza medica sarà  in grado di comprendere meglio le funzioni biologiche e molecolari del corpo e di conseguenza si avranno miglioramenti alle diagnosi e ai trattamenti per le malattie.

È una impresa importante ma c’è un solo problema: i computer sono pessimi nell’ identificare le proteine.

Nel genoma umano vi sono più di 20.000 geni di codifica per le proteine, ciò significa che molte proteine devono essere mappate e classificate. Ma senza potersi affidare ai computer, gli scienziati hanno bisogno di trovare altri modi per mapparle. Ed è qui che entra in gioco la scienza dei cittadini, un tipo di ricerca portato avanti e condotto da un grande numero di persone. E solitamente dove si aggregano grandi gruppi di persone, che usano i computer? Nei giochi online.

Massively Multiplayer Online Science (MMOS o Scienza per giochi MMO) è una nuova piattaforma di scienza dei cittadini, la cui missione è connettere la ricerca scientifica ai videogiochi.

Si pensa che “Mansioni di ricerca completamente integrate nelle meccaniche, la narrativa e la grafica potranno aprire un nuovo canale tra la comunità scientifica e video ludica. E convertendo una piccola frazione dei miliardi di ore spesi giocando, si otterrà un enorme contributo alla ricerca scientifica”.

EVE Online, l’ MMO spaziale di CCP, è il primo gioco a fare squadra con MMOS e con Project Discovery , un minigame all’interno di EVE, i giocatori saranno chiamati ad aiutare a mappare il proteoma umano. Per farlo basta studiare le immagini dall’ Atlante delle Proteine Umane e catalogarle basandosi sulle immagini di un set di campioni. Se un numero sufficiente di giocatori giunge alla stessa conclusione, la proteina viene rimandata all’ Atlante.

eve-online-project-discovery-ed

Settimana scorsa sono stato a Reykjavik per la Fanfest annuale di EVE organizzata da CCP, dove ho avuto la possibilità di parlare del progetto con l’ideatrice: Linzi Campbell conosciuta anche come CCP Affinity. “MMOS si è avvicinata a CCP e ci ha chiesto se fossimo interessati a collaborare ad un progetto di scienza dei cittadini.” mi ha detto.  “A noi è parso come qualcosa che i nostri giocatori avrebbero apprezzato molto e ci siamo sentiti emozionatissimi all’ idea.”

Dopo aver controllato i vari progetti, CCP ha optato per il progetto HPA: ” Hanno un database con centinaia di migliaia di immagini” ha detto Campbell, “E ci serviva, perché i nostri giocatori scorrono velocemente le cose. In effetti HPA ci ha detto che dall’annuncio del progetto, molti giocatori di EVE avevano già sfogliato l’intero database. “Sono rimasta impressionata dal livello di partecipazione!”

Project Discovery è stato discusso come nota fondamentale durante la Fanfest e il discorso è stato messo in streaming su Twitch, mentre seguivo la conferenza dal mio laptop ho tenuto d’occhio la chat per farmi un’idea dei pensieri del pubblico ad ogni segmento trattato e quando è stato menzionato Discovery  la chat si è riempita di persone che urlavano: “CYTOPLASM“! Confuso, ho chiesto a Campbell qualcosa al riguardo.

“La scienza dei cittadini funziona a maggioranza di consenso,”  mi ha detto “E il Citoplasma era la risposta più comune, perché era la parte più facile da riconoscere.” In risposta CCP ha cambiato il sistema di assegnazione dei punti, passando ad un sistema a classificazione: “Ogni 10 o 15 campioni il giocatore ne ottiene uno di addestramento e il livello d’avanzamento è deciso dal risultato.”

Insieme al nobile intento di aiutare la scienza, una parte di Project Discovery sono le ricompense nel gioco. Ogni giocatore ha una valutazione della precisione, che determinerà il premio da ricevere. E se le vostre valutazioni saranno troppo basse non riceverete nulla. Questo serve a far sì che ogni giocatore si prenda il proprio tempo e possa consegnare dei dati accurati; “I giocatori di EVE stanno aiutando la scienza,” dice Campbell “ma stanno anche guadagnando punti Analisi. Questa è una nuova moneta che abbiamo introdotto nel gioco e i giocatori potranno spenderla al negozio di punti lealtà delle Sisters Of Eve.”

Mentre Campbell stava determinando il numero di Crediti Analisi necessari per acquisire alcuni degli oggetti più esotici al negozio LP (punti lealtà n.d.t.), tra cui completi di armature, pensò che ci sarebbero volute settimane. “Abbiamo fatto uscire il gioco a mezzogiorno e alle 2  del mattino, qualcuno aveva già sbloccato tutto, giocando ininterrottamente, il che è stato stupefacente.”

Il bello è che indipendentemente dal fatto che uno giochi per svariate ore, o pochi minuti, ogni contributo conta. “Questo è il primo esempio di una player base così ampia impiegata in un progetto di scienza dei cittadini,” dice Campbell “MMOS ha a che fare con qualcosa di unico, in questo caso. Se ogni giocatore dedicasse pochi minuti del proprio tempo sarebbe un grandissimo aiuto per la scienza.” Ma il Project Discovery non è stato inserito in maniera completamente arbitraria all’ interno di EVE; C’è un valido motivo nel gioco, del perché e la gente di New Eden (la galassia di EVE) sta collaborando per aiutare sia la causa reale, che quella di fantasia.

 

 

Nella trama del gioco, lo scorso anno è accaduto un evento molto importante: l’ assassinio di Jamyl Sarum, Imperatrice di Amarr, per mano dei Drifters, un gruppo di NPC (personaggi non giocanti n.d.t.), le cui origini e motivazioni rimangono avvolte nel mistero.

“Le Sisters of Eve

(una fazione all’ interno del gioco) stanno studiando il DNA dei Drifters” dice Campbell “Tramite Project Discovery i nostri giocatori stanno aiutando la scienza e stanno aiutando S.o.E.  a risolvere il mistero dei Drifters: chi sono? perché sono così potenti? e da dove giunge la loro tecnologia? Chissà magari i giocatori saranno in grado persino di utilizzare la tecnologia Drifter…”

I giocatori di EVE Online hanno una certa reputazione, ampiamente basata su storie di spionaggio e pirateria; Ma Project Discovery è un buon esempio di Capsulati (i personaggi giocanti di EVE) che cooperano per una nobile causa. Anche chi lo fa solo per le ricompense, contribuisce comunque all’ avanzamento della conoscenza del corpo umano. È davvero strabiliante come astronavi virtuali e scienza medica condividano una connessione simile! Ma quale sarà il futuro del progetto? “Le proteine non dureranno per sempre,” dice Campbell “quindi dobbiamo trovare anche altri modi per aiutare la scienza; Ci sono così tante emozionanti possibilità là fuori!“.

QUI potete trovare l’articolo non tradotto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.