Diablo 3: Exploit Fix per Campana dei Morti

Salve a tutti da An00bis!

Qualche giorno fa, ho notato che un tipo mai visto era arrivato al primo posto nella classifica Negromante in solitario, ed anche con un bel distacco dal secondo.

Molto incuriosito vado ad ispezionarlo e mi accorgo che non giocava con le solite build Trag’Oul o Pestilenza, ma con quello che al momento è il set “sfigato” del Negromante, Inarius!

Felice che fosse finalmente uscita una novità dal così alto potenziale, sono andato ad informarmi nei giorni successivi. In cosa consiste quindi l’exploit della Campana dei Morti? Ho notato subito che era una build non del tutto nuova (la scorsa stagione ne usavano una versione simile come bosskiller nei GR 125+); è stato però interessante scoprire che era basata su un exploit e quindi non legit.

In breve, sia l’equipaggiamento che i nostri servitori infliggono danni da spine e Campana dei morti ci consente di aumentare a dismisura il danno degli scheletri quando attaccano lo stesso bersaglio. Basta quindi aprire un varco maggiore, tornare in città ed andare in una qualsiasi mappa per attivare il bonus del filatterio. A quanto pare la migliore è la Cripta Reale, dove ordineremo ai nostri servitori di attaccare i quattro pilastri che si incontrano prima di raggiungere il Re Scheletro. Ed ecco spiegato l’exploit della Campana dei Morti: il bonus ottenuto fuori dal varco maggiore in questo modo non viene azzerato ma rimane per tutto il resto del varco, permettendoci (sommato al danno da spine) di uccidere molto più facilmente i nemici.

Una volta ricevute le segnalazioni, Blizzard ha disattivato il bonus leggendario fornito dalla Campana dei Morti, in attesa di risolvere il problema in maniera più appropriata (speriamo).

Qui, invece, potete dare un’occhio alla guida che ho fatto per il Negromante Bosskiller (GR – Varchi Maggiori 100-130)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.