Diablo 3: Guida al Negromante support (per Rathma Runs)

Ciao a tutti da An00bis!

Nel precedente articolo vi ho parlato in maniera generale del metagame, premessa fondamentale per capire i concetti che andremo ad approfondire in questo e nei prossimi appuntamenti. Come accennavo infatti, è necessario sapere in linea di massima qual è lo scopo di ogni personaggio e perché è presente nella formazione, in modo da poter fare interagire al meglio le vostre abilità con quelle degli altri.

In questo articolo vi parlerò di uno dei personaggi per fare le Rathma Runs: il Negromante support. Prima di iniziare, una curiosità: spesso ci si riferisce ai support mettendo una Z davanti al nome della classe, per esempio zmonk, zbarb, znec, ecc. Questo capita perché i support non fanno danno, ovvero si possono definire zero-dps. Il gergo sempre sbrigativo delle community ha fatto il resto: zerodpsmonk -> zdpsmonk -> zmonk. 😉

-Come si gioca nelle Rathma Runs:

Molto in breve, i negromanti Rathma evocano maghi per fare danno, ma quando li lanciano consumano tutta la loro essenza e non hanno abilità primarie per ricaricarla. Il negromante support usa Terra dei Morti per bloccare i nemici e intanto consuma cadaveri creando globi di cura (grazie all’abilità passiva Vita Mortale). Il barbaro fornisce riduzione dei danni tramite l’abilità Insensibilità e raccoglie più velocemente possibile i globi, che ricaricano l’essenza ai dps tramite le Fasce del Mietitore. Quando l’essenza è al massimo, i dps fanno altri maghi e il ciclo ricomincia.

 

-Equipaggiamento e Abilità

Piuttosto che elencarle qui una per una, vi lascio questo link in modo che la comprensione sia migliore.

Per le gemme, mettete Diamante in elmo, Rubini in petto e pantaloni, e Ametista nell’arma (per mettere il castone meglio usare un Dono di Ramaladni).

Per poter mantenere sia Dominio degli Scheletri che Nova Mortale tra le vostre abilità, uno dei vostri dps deve usare Fragilità, oppure togliete una delle due per usarla voi.

Non è necessario aumentare il raggio di raccolta globi: se lo avete va bene ma cercate di non superare i 14-16 metri. Se infatti voi siete avanti e prendete troppi globi quando siete lontani dai dps, il danno del gruppo ne risentirà.

Amuleto: vanno bene tutti e tre quelli elencati, ognuno dei quali è utile in maniera diversa. L’ordine di preferenza è quello in cui li ho scritti 🙂

-Variazioni alla build

Ci sono veramente un’infinità di variazioni possibili e la maggior parte di esse sono validissime: giocare una o l’altra dipende solo da come vi trovate meglio. Alla fine, basta che tenete sempre attiva Terra dei Morti e gli altri non avranno problemi! Potete giocare 2 pezzi del set “Cain” (pantaloni e stivali), o altrettanti di “Born” (arma e spallacci), adattando la build per conservare il bonus da 4 pezzi del set Pestilenza (equipaggiandone 3 pezzi + Anello della Magnificenza Regale nel cubo). Non ho la presunzione di dire che questa build sia la migliore possibile da creare, però posso dirvi che ne ho provate molte. Spesso con le altre non riuscivo a tenere attiva Terra dei Morti il 100% del tempo, mentre con questa build spesso riesco a lanciarla di nuovo mentre la durata residua è ancora a metà. Una modifica che posso consigliare agli amanti dell’alta velocità (e quindi a chi è più esperto) è di equipaggiare gli “Schinieri di Steuart”, sostituendo nel cubo Lornelle con Anello della Magnificenza Regale. Un ringraziamento al nostro Simone-Stardust per aver condiviso con me questa variante.

-Gameplay

Siete voi il leader, cioè avete il compito di guidare il gruppo scegliendo quale strada prendere durante gli spostamenti e dove fermarvi ad uccidere cose. Entrate nel varco e lanciate Terra dei Morti: i nemici si bloccheranno e i vostri dps potranno quindi spostarsi tra di essi senza essere attaccati. Correte in avanti alla ricerca di grossi gruppi di nemici e/o élites e quando trovate un posto adatto fermatevi e iniziate a lanciare a ripetizione Nova Mortale in mezzo ai nemici. Contemporaneamente, lanciate anche Dominio degli Scheletri, selezionando un bersaglio diverso ad ogni lancio (Nota: bastano anche solo due bersagli, basta che li clicchiate alternativamente). Facendo in questo modo, innescherete l’abilità dell’Anello di Ossidiana dello Zodiaco, che diminuisce (di 1 secondo per ogni lancio di abilità) il tempo di recupero di Terra dei Morti. Per la durata di Terra dei Morti, non solo i nemici saranno immobili, ma consumerete cadaveri con l’abilità Cannibalismo, che in combinazione con la passiva Vita Mortale vi farà creare globi di cura.

-Qual è il vostro scopo nel gruppo?

Immobilizzare i nemici aumentando le probabilità di sopravvivenza dei Rathma dps, e creare globi. Realizzate entrambi gli obiettivi lanciando Terra dei Morti e questo significa che dovete riuscire ad azzerare il tempo di recupero di questa abilità il prima possibile (preferibilmente, ancora prima che finisca l’effetto). In gergo, dovete stare in perma-Terra dei Morti (cioè permanente).

-Trucchi e consigli per giocare meglio (non solo znec)

  1. Per iniziare, vi consiglio di assegnare il “capogruppo” al leader (in questo caso lo znec) in modo che sia immediatamente riconoscibile. Il suo puntino sulla mini-mappa diventerà infatti celeste e non più blu, rendendolo più facile da seguire.
  2. Il miglior schema di movimento (durante gli spostamenti) è quello che vede in testa lo znec, seguito a breve distanza da zbarb e infine dai dps. Ricordatevi che se la distanza tra znec e i Rathma è troppa, i nemici non saranno più immobilizzati per effetto di Terra dei Morti e potranno attaccare liberamente i vostri dps. Fate quindi attenzione a non distanziare troppo il gruppo!
  3. Prestate la massima attenzione alla minimappa. Questo vale per TUTTI i personaggi di tutte le formazioni possibili: così facendo vedrete se sono apparsi piloni nel vostro livello, se il vostro gruppo è sparpagliato (vedi punto 1 e 2) e in generale tenete sotto controllo tutto quello che accade. Ricordatevi che per avere buoni risultati in gruppo, bisogna giocare come un gruppo.
  4. Prima di iniziare il varco, mettete in auto-cast con il tastierino numerico l’abilità “Cannibalismo”. In questo modo verrà lanciata in automatico senza che voi dobbiate spaccarvi le dita a cliccarla, e potete concentrarvi sulle altre abilità. I vostri dps ve ne saranno grati, ed anche la tastiera.
  5. Un altro consiglio che vale per tutti i personaggi è quello di leggere tutte le abilità che avete. Sia quelle attive, che quelle passive, che quelle degli oggetti indossati e nel cubo. Solo in questo modo potrete capire fino in fondo perché è meglio sceglierne una piuttosto che un’altra, giocare al meglio nel corso del varco innescandole nel modo corretto, o fare anche modifiche personali se siete esperti.
  6. Un ultimo consiglio: dato che siete voi a dirigere il gruppo, è importante che conosciate le mappe. Le cose più importanti da sapere sono i punti dove possono stare i piloni, e dove si trovano (di solito) gli élites. Giocare con persone esperte aiuta molto, per il resto basta un po’ di attenzione, memoria e tanta pratica! 😉
  7. Altra nozione utile per i support è che siccome non siete voi a fare danno, non è importante avere oggetti con la vostra statistica principale, anzi è meglio averli con una “sbagliata”. Con l’aumentare dell’intelligenza, aumentano infatti anche tutte le resistenze, mentre Forza e Destrezza aumentano l’armatura. Per esempio, se state usando znec (la cui statistica principale è Intelligenza) equipaggiare una Corona di Leoric trovata con il vostro Barbaro vi sarà d’aiuto perché bilancerà le vostre statistiche aumentando l’armatura.

-Assegnazione dei punti eccellenza (in gergo: paragon)

La priorità di ogni support è quella della riduzione dei tempi di recupero (in gergo: CDR, cioè CoolDown Reduction): su qualsiasi oggetto su cui potete averla, DOVETE averla, possibilmente al massimo. Andando per ordine, nella schermata “Base” dovete arrivare al 25% di velocità di movimento (quindi, se avete sugli stivali 12%, basterà assegnare 13% con i paragon, e così via) e poi assegnare tutti i punti rimanenti a Vitalità. In “Offesa”, arrivate al massimo con CDR, poi con velocità d’attacco, e poi il resto metteteli come vi pare, tanto non vi servono. In “Difesa” mettete Vita, poi Armatura, poi Tutte le Resistenze e infine rigenerazione vitale. In “Utilità”, Vita per colpo, poi Riduzione costi in risorse, poi Ritrovamenti d’oro e infine NON assegnate nessun punto a Danni ad Area. Avere danno ad area significa infatti che una parte del vostro danno viene inflitta a tutti i mostri ad una certa distanza da voi, e siccome il vostro danno è inesistente, fate fare solo più calcoli (inutili) al gioco, causando lag. In breve: per un qualsiasi support, il danno ad area è IL MALE, toglietelo subito!

 

Per il momento è tutto, fatemi sapere se vi sono stato d’aiuto o se sono stato poco chiaro, aspetto i vostri commenti! Lasciate un like alla mia pagina facebook per restare sempre aggiornati sulle nuove guide, sugli streaming e un sacco di altre cose. Ci vediamo settimana prossima con un nuovo articolo, per ora a presto e buon gioco! Se invece volete fare i Set Dungeon ho fatto delle guide su youtube per voi, personaggio per personaggio, set per set che potete trovare qui!

Cerchi amici con cui far party? Entra nella più grande Community italiana su FB: Diablo 3 Italian Group!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.