OVERWATCH: Citato in giudizio l’autore di un Cheat

La BLIZZARD sta citando in giudizio l’autore di un cheat che permetterebbe di vedere dove sono i nemici in tempo reale.

Ancora una volta la compagnia californiana dà l’ennesima prova di quanto ci tenga a mantenere puliti i propri titoli. In particolare oggi ci occupiamo di OVERWATCH, dove ha fatto la comparsa un nuovo cheat che permetterebbe di visualizzare il posizionamento dei nemici sul campo di gioco. Difatti la Blizzard ha chiamato in giudizio BOSSLAND (creatore tedesco del cheat) alla corte della California, accusandolo di aver infranto il copyright e della violazione del DMCA ANTI-CIRCUMVENTION PROVISION!

2721735-zenyatta_overwatch_003

 

Nel testo della citazione si legge:

“I Buddy Bots e l’Overwatch Cheat (che compongono “i BOSSLAND HACK”) hanno causato e stanno continuando a causare irreparabili danni a BLIZZARD. Il business di BLIZZARD dipende dal fatto che i suoi giochi siano appaganti e corretti per tutti i giocatori di tutti i livelli di abilità, e per assicurare queste condizioni l’azienda spende un’enorme quantità di tempo e di denaro”.

Fin dal principio, Blizzard è stata molto rigorosa nella gestione dei giocatori scorretti su questo Titolo: in precedenza ben 1572 giocatori furono bannati nella sola Cina

e i loro nomi pubblicati in bella mostra nel forum ufficiale.

Pare dunque che Blizzard stia mantenendo le promesse fatte ai propri utenti già dai primi giorni post lancio, e ci sta andando giù pesante contro coloro che infrangono le regole nel suo nuovo titolo OVERWATCH!

Nel caso non siate ancora in possesso di questo entusiasmante fps targato BLIZZARD, vi consigliamo di passare dai nostri amici di ISTANT-GAMING dove potrete trovare OVERWATCH con un super sconto di oltre il 30%!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.