Pokemon Go: alcune indiscrezioni sulla Battle Mode

Pokemon Go recentemente aggiunto un sistema per la gestione delle amicizie, ma non si tratta dell’unica novità in programma per il popolarissimo gioco per dispositivi mobili. Il CEO della Pokémon Company, Tsunekazu Ishihara, ha annunciato al Wall Street Journal che Niantic Labs sta tergiversando sul rilascio delle nuove funzionalità, in modo da non sovraccaricare eccessivamente i nuovi utenti che stanno approcciando al gioco.

Il sistema di combattimento giocatore contro giocatore è nella scaletta di funzionalità che verranno introdotte“Combattere è uno degli aspetti salienti in Pokemon, dopo tutto,”, ha detto Ishihara. “E’ d’altronde molto importante considerare con attenzione qualsiasi funzione che possa aumentare la difficoltà e, di conseguenza, la soglia d’ingresso per gli utenti più casual”.

3132164-pgo

Un sistema di scambi è stato anche menzionato nel report, ma Ishihara non ha rilasciato commenti a riguardo. Nel mese di luglio, il CEO di Niantic Labs, John Hanke aveva confermato un sistema di scambio nella roadmap, ma non ha condiviso informazioni sulla data di rilascio né sulle meccaniche di funzionamento.

“La sezione multiplayer di Pokemon Go è in fase di elaborazione da un lungo periodo di tempo,” aveva affermato ancora a luglio Archit Bhargava di Niantic, “i primi test sono promettenti, ma c’è ancora molto lavoro da fare. L’aspetto multiplayer è qualcosa che stiamo ancora esplorando, stiamo ancora cercando di capire qual è il modo migliore per farlo. Finora abbiamo imparato che le battaglie multiplayer possono risultare parecchio divertenti. Quando due giocatori provenienti da squadre diverse si presentano in una palestra rivale, se collaborano e schierano assieme i loro Pokemon in battaglia, possono abbattere una forte palestra più velocemente”.

Ma ci stiamo impegnando al massimo per ripensare ciò che l’esperienza di gioco dovrebbe dare… cosa significhi effettivamente giocare a Pokemon nel mondo reale. Stiamo provando molteplici strade a riguardo, anche se ci siamo fatti un’idea di quello che vorremmo vedere come risultato finale, per cui avremo bisogno di confrontarci con i feedback e le reazioni della community”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.